Robe di Donne

Adolescenti e autoerotismo: una fase normale della vita

On domenica, Ottobre 28th, 2012

Sappiamo tutti cosa comporta l’adolescenza. E’ una fase di passaggio, un periodo difficile di cambiamenti fisici e morali. Non si è né troppo giovani, ma neanche abbastanza adulti. Tuttavia si sente il bisogno della propria autonomia, libertà, ma soprattutto quello di affermazione di un’identità personale. Stiamo prendendo la strada verso quello che vorremmo essere ma, nello stesso tempo, siamo ancora troppo piccoli e abbiamo poca esperienza per prendere una decisione ferma e sicura.


Proprio per quello che abbiamo detto, ossia che ci sono dei cambiamenti fisici e psicologici, aumentano anche le nostre pulsioni, esigenze e desideri. Ed ecco che gli ormoni prendono il sopravvento! Nasce l’esigenza di procurarsi piacere, di praticare dell’auto-erotismo. La masturbazione per una donna è una cosa normale; tuttavia viene vista come motivo di imbarazzo e vergogna molto maggiore rispetto all’uomo. Ma perché?

La parola masturbazione proviene dal latino “manus” (mano) e “stuprare” (sporcare, contaminare). Già nell’etimologia della parola si comprende come questo comportamento sia sempre stato visto con pregiudizio, come qualcosa di sporco o da condannare. Basti pensare che tuttora la Chiesa cattolica considera la masturbazione alla stregua di una perversione.

C’è anche del maschilismo in tutto ciò, se si considera che negli ultimi 50 anni la storia è di proprietà degli uomini, con le loro teorie sul mondo e anche sulla sessualità, sulle arti amatorie, sul diritto familiare, sulla morale religiosa..

Influisce anche l’educazione. Molti genitori vedono la scoperta del proprio corpo da parte dei propri figli come qualcosa di peccaminoso; causando in essi dei blocchi emozionali e sessuali. Quella che dovrebbe essere una scoperta di piacere personale, morale e fisico, diventa una questione da nascondere a tutti i costi. Per fortuna, l’evoluzione culturale e la parità dei sessi hanno portato a una maggiore libertà nella sessualità femminile; ma solo il 45% delle donne ammette senza remore di masturbarsi con una certa frequenza.

Un pregiudizio davvero inutile e sbagliato. Molti studi mostrano come le donne che praticano l’autoerotismo hanno di conseguenza una vita sessuale più attiva e migliore sotto più punti di vista. Imparano a conoscersi, a capire come raggiungere un orgasmo; cosa molto complicata per noi donne: molte di noi non riescono a raggiungerlo con il proprio partner, ma ne hanno esperienza solo dalla masturbazione.

Questo fattore risulta essere positivo anche nei rapporti di coppia: una donna che conosce le fasi del suo piacere può “aiutare “ il suo compagno a capire come comportarsi. Perciò non seguite i pregiudizi, seguite solo le vostre esigenze.

About - Silvia Laporta, studentessa di 24 anni, la laurea in editoria e giornalismo. Blogger e content editor per portali a tema turistico, collabora con la redazione di QuiEuropa, l’Osservatorio Nazionale Indipendente sui provvedimenti dell’Unione Europea, in collaborazione con l’Università Magna Graecia di Catanzaro. Mi trovi su Google+.

Pubblicato in Teen
Displaying No Comments
Have Your Say

Lascia un commento