Robe di Donne

Come eliminare o attenuare le efelidi

On venerdì, luglio 5th, 2013

lentiggini_0x440Le macchioline della pelle sono comunemente considerate tutte uguali, invece tra di esse ci sono differenze. Iniziamo con il distinguere le efelidi dalle lentiggini. Le efelidi sono piccole macchioline brune, rotonde o ovali, la loro superficie è piana non presentando rilievi e non sono infiltrate. Le efelidi sono provocate da un accumulo di pigmento, vengono causate dalla foto esposizione e regrediscono in sua assenza.
Le zone dove si presentano maggiormente sono quelle più esposte alla luce, come il viso e le mani. L’intensità della luce le può ravvivare per cui risultano più scure in estate mentre si attenuano quando la luce solare non è molto intensa. Non compaiono sulle mucose. I fototipi più soggetti alle efelidi sono il primo e il secondo, presentano capelli biondissimi o rossi, pelle lattea e difficilmente abbronzabile che, invece facilmente si scotta.

Anche le lentiggini sono piccole macchioline della cute di colore beige o bruno, ma a differenza delle efelidi, indicano anche un accumulo di cellule e non solo di pigmento. Essendo provocate da un accumulo di cellule non scompaiono in assenza di esposizione alla luce, ma sono permanenti. Sono genetiche e sono collegate alla presenza della variante genetica del recettore MC1R. I fototipi più esposti sono l’uno e il due, ma possono comparire anche sulla cute di persone con fototipo più alto.


Non sono una malattia della pelle, ma le persone predisposte alle lentiggini è più predisposta alle scottature o al cancro della pelle per cui dovrebbe proteggersi con un filtro solare di almeno di 15 SPF.

Vediamo come attenuare o far scomparire le efelidi.

I peeling chimico con l’acido tricloroacetico,dà ottimi risultati. Esso va effettuato da uno specialista, e “brucia” le efelidi di superficie

Anche con la laser terapia si eliminano le efelidi in quanto essa agisce direttamente sui melanociti, che vengono distrutti senza portare conseguenze al tessuto.

Anche le sostanze schiarenti possono attenuare le efelidi soprattutto se abbinate a sostanze esfolianti, ma un uso eccessivo di esse potrebbe causare effetti indesiderati.

Infine due trattamenti piuttosto costosi e d’urto: la crioterapia e la diatermocoagulazione.
Con la crioterapia l’efelide viene trattata con azoto liquido, si brucia e rimane una crosticina che scompare in pochi giorni. Le efelidi vanno trattate una ad una, per cui il procedimento è piuttosto costoso.
Con la dia termocoagulazione l’efelide viene trattata con uno strumento chiamato elettrobisturi che brucia la pelle, l’efelide scompare staccandosi. Anche in questo caso vengono trattate una ad una.

About - 31 anni, nata a Gorizia mi occupo di comunicazione web, come blogger, oltre che di educazione per l’infanzia e di Archeologia. Collaboro con diversi portali web e curo progetti off-line per la divulgazione e l'educazione nell'infanzia. Seguitemi su e Twitter.

Pubblicato in Bellezza, Corpo
Displaying No Comments
Have Your Say

Lascia un commento