gambe-02I fattori che possono danneggiare e appesantire le gambe delle donne sono molteplici: tacchi troppo alti, calze pesanti, stivali che stringono i polpacci eccetera eccetera.
Ecco qualche consiglio per proteggere e curare le gambe delle donne.

Gambe lunghe e affusolate, sode e toniche sono il sogno di tutte le donne che sono consapevoli del grande fascino che esse esercitano. Per essere belle devono essere soprattutto sane in modo da evitare antiestetici gonfiori e noiose pesantezze, pelli secche o a buccia d’arancia tipiche della cellulite. Bisogna stimolare la circolazione e per farlo bastano poche regole da seguire ogni giorno con l’aiuto di qualche buon prodotto che protegga i capillari e impediscano ai liquidi di andare nei tessuti. Ad esempio per ottenere una azione di drenaggio dei liquidi sdraiarsi sul letto per 5 minuti alla sera con le gambe appoggiate su una parete. Spalmare una crema adatta a base di mirtillo, centella, rusco, foglie di vite rossa, tiglio, mentolo. Mettere le mani ad anello sul ginocchio e portare le mani in alto risalendo lungo la gamba. Ridiscendere e fare lo stesso massaggi con l’altra gamba.

Non usare sempre i tacchi molto alti; l’ideale è un tacco di 3-4 centimetri che rispetta la curvatura naturale sotto il piede.
Aiutarsi anche con i liquidi, per esempio bere un bicchiere di acqua minerale naturale appena alzate che regolerà l’intestino e combatte la stitichezza.



Quando si sentono le gambe pesanti esse vanno alleggerite spruzzando uno spray decongestionante a base di ippocastano, canfora, equiseto o mentolo. Alla sera stendersi sul letto appoggiando le gambe ad una parete per 5 minuti e effettuare un massaggio con un gel contenete gli stessi prodotti decongestionanti e rinfrescanti avendo l’accortezza di eseguire un movimento verso l’alto.
Per aiutare la circolazione per rendere le gambe più toniche ed elastiche fare quotidianamente una passeggiata di due Km.
Cercare di non restare in piedi per ore. Almeno cercare di sedersi per 5 minuti appoggiando le gambe su una sedia, se invece dovete lavorare molte ore in posizione seduta usare una pedana poggia-piedi inclinata.
Un buon metodo per un riposo ristoratore è quello di dormire con le gambe sollevate ponendo un cuscino sotto il materasso all’altezza delle gambe. Inoltre non indossare abiti stretti sull’inguine che non favoriscono la risalita del sangue verso l’alto.
Infine adoperare le creme idratanti e nutrienti per rendere la cute delle gambe liscia e morbida e per aumentare il loro effetto fare prima una doccia tiepida e strofinare le gambe con un guanto di crine massaggiando in senso circolare per aprire i pori che assorbiranno poi la crema più velocemente.