Robe di Donne

Disoccupazione femminile: perchè non mollare

On mercoledì, luglio 23rd, 2014

downloadIl posto di lavoro è un grosso problema per i giovani italiani che risultano disoccupati per un buon 40%, una percentuale da capogiro, soprattutto nel Sud de nostro bel Paese.

La disoccupazione giovanile colpisce soprattutto il sesso femminile e vediamo centinaia se non migliaia di ragazze che magari sono anche laureate e preparate a spasso, senza un impiego adeguato e con tanta frustrazione. Si erano impegnare seriamente per anni presso le varie scuole o università, ma alla fine del corso di studi, nulla di nulla, nessuno le ha cercate per offrire loro un posto di lavoro adeguato.

E così si sono immerse nelle pagine degli annunci economici per cercare un improbabile impiego in linea con il loro titolo di studio. Cosa difficilissima se non impossibile. Hanno spulciato i siti internet o la Gazzetta Ufficiale per scovare eventuali concorsi e hanno rilevato che a fronte di un posto di lavoro c’erano migliaia di partecipanti.

Poi un colpo di fortuna, qualcuno le ha cercate, felicità e illusioni, si sono presentate ed il posto offerto è quello di commessa di una salumeria. Il posto è molto al di sotto delle aspettative, ma hanno bisogno di lavorare e di uscire dalla spirale di depressione in cui stanno cadendo. E così accettano e vanno a tagliare il salame.

Certo che fare la salumiera non era il lavoro dei loro sogni, ma non si deve assolutamente mollare. Ci si deve adattare alla situazione svolgendo un lavoro molto lontano dalle proprie aspirazioni anche se è dignitosissimo. La situazione è frequente e le ragazze ringraziano il cielo per quell’impiego. Ma si sentono sottovalutate e vorrebbero intraprendere un percorso lavorativo in linea con la propria formazione. Allora non si deve rinunciare, tenersi il lavoretto ma continuare a mantenere i contatti con il proprio mondo di riferimento e soprattutto non si deve smettere di provarci. Bisogna restare sempre aggiornate, studiare gli sviluppi del mercato e cercando o creando opportunità sempre nuove:

Inviare sempre il curriculum vitae, partecipare agli eventi del settore, cercare di incontrare le persone che potrebbero darci utili consigli o informarci su eventuali ricerche di lavoratori.

Insomma restare con le orecchie aperte perché da cosa nasce cosa anche se siamo in un momento difficile. Non mollare. Quindi, e non convincersi che tanto è inutile cercare perché non troveremo mai un lavoro adatto. Continuiamo a creare le situazioni giuste per dare al nostro futuro la direzione che desideriamo. Quindi continuiamo a inviare curriculum o presentiamoci a colloqui nuovi, potrebbe arrivare la volta buona.

About - 31 anni, nata a Gorizia mi occupo di comunicazione web, come blogger, oltre che di educazione per l’infanzia e di Archeologia. Collaboro con diversi portali web e curo progetti off-line per la divulgazione e l'educazione nell'infanzia. Seguitemi su e Twitter.

Pubblicato in Varie
Displaying No Comments
Have Your Say

Lascia un commento