imagesUn tempo le donne facevano in casa il proprio sapone che era costituito solo da elementi naturali e dove la chimica non faceva nemmeno capolino.
Vediamo se anche noi, donne moderne, siamo in grado di fare un sapone genuino, anzi, vogliamo proporre la “ricetta” per fare il prestigioso e antico sapone di Marsiglia.
Bisogna ricordarsi solo di essere molto attenti perché si maneggeranno sostanze corrosive come la soda caustica.

Ecco cosa serve per fare il sapone di Marsiglia:
300 g di acqua
1 kg di olio di oliva
136 g di soda caustica

Munirsi di guanti in lattice, di grandi occhiali per proteggere gli occhi da eventuali spruzzi, una mascherina per proteggere il naso e la bocca per non respirare i vapori sprigionati dalla soda a contatto con l’acqua, Mettere in una caraffa di vetro 300 g esatti di acqua.. In un altro contenitore di vetro pesiamo 136 g esatti di soda caustica. Poniamo la caraffa con l’acqua nel lavello e lentissimamente con l’aiuto di un cucchiaio di acciaio, mettiamo piccole quantità di soda nell’acqua, mescolare con cura e lentamente perché la soda si deve sciogliere perfettamente nell’acqua. Il recipiente di vetro con l’acqua, per effetto delle reazioni chimiche, scotterà, quindi non toccarlo.

Controllare la temperatura della soluzione con un termometro alimentare, che deve raggiungere i 45 gradi centigradi. Nel frattempo in una pentola di acciaio pesare 1 kg di olio di oliva (deve essere di oliva e non altro). Mettere la pentola con l’olio di oliva sul fuoco basso e portarlo alla temperatura di 45° centigradi da misurare con il termometro per alimenti. La temperatura deve essere come quella della soluzione acqua/soda. Quando olio di oliva e soluzione avranno la stessa temperatura versare la soluzione di soda nell’olio e, con il cucchiaio di acciaio, mescolare per amalgamare bene il composto.

Una volta ben amalgamato emulsionare con il mixer ad immersione per circa 3 minuti.


Dopo spegnamolo e mescoliamo col mixer spento, poi lo riaccendiamo e facciamo andare per altri tre minuti. È così via. Questa operazioni accendi/spegni eviterà il surriscaldamento della miscela e dell’elettrodomestico. Il composto va emulsionato finchè comincerà ad addensarsi fino a quando, prendendone una piccola quantità col cucchiaio e versandola di nuovo nella pentola, questa resterà in superficie prima di affondare

Il sapone, una volta raggiunta tale consistenza, è pronto e potrebbe essere messo negli stampi. Ma si potrebbe profumare l sapone
A questo punto il sapone è pronto per essere messo negli stampi. Se si vuole profumare il sapone, dobbiamo aggiungere degli oli essenziali.Per ottenere la profumazione scegliere l’aroma che preferiamo, prendiamone 20 ml e sciogliamolo in un cucchiaio di amido di mais. Ora incorporiamolo al sapone quando ha raggiunto la consistenza.
Versiamo il sapone in un contenitore di plastica e copriamolo con delle coperte per farlo stare al caldo per 48 ore. Dopo 48 ore, tagliarlo a fette. Lasciarlo asciugare per 6 settimane in luogo fresco e asciutto.