Robe di Donne

Quale prevenzione cancro per una donna di 30 anni?

On martedì, Gennaio 21st, 2014

cancro-senoLa prevenzione anticancro in donne giovani e sane prevede il pap test, o ancor meglio il test HPV che è l’unico che una donna di 30 anni dovrebbe fare in assenza di altri fattori di rischio.
Il Pap test se è negativo, va ripetuto ogni tre anni il test HPV negativo va rifatto dopo cinque anni perché il suo risultato è più certo di quello del Pap test.
È importante scoprire presto alcune forme di tumore, soprattutto quelle dell’apparato riproduttivo anche perché in campo ginecologico c’è un rapido sviluppo delle cure che portano ad una guarigione della paziente sempre più definitivamente e velocemente.
I ginecologi consigliano anche una visita ginecologica una volta all’anno per valutare la stato di salute generale dell’apparato riproduttivo.
Invece esami come l’ecografia trans vaginale viene raccomandata solo se è necessario controllare se esistano anomalie delle ovaie, delle tube e dell’utero, ma solo in casi in cui esista una causa specifica e sarà il ginecologo a consigliare tale indagine.
Il Pap test mette in evidenza eventuali lesioni tumorali a carico del collo dell’utero e si esegue prelevando un piccolo campione delle cellule che vengono fissate su un vetrino poi inviato in laboratorio e analizzato al microscopio.
Le donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni dovrebbero eseguirlo ogni tre anni, è un esame gratuito e le donne vengono invitate con una lettera dalla propria Azienda Sanitaria.

Il test HPV individua la presenza sul collo dell’utero del virus del papilloma umano, che è una infezione virale che si trasmette generalmente per via sessuale. Esistono circa 100 tipi di HPV, ma solo 13 possono essere causa di cancro del collo dell’utero.
Riguardo alle mammelle lo screening mammografico va iniziato intorno ai 50 anni anche se spesso lo si consiglia a 40 anni e l’ecografia annuale a 30 anni. In ogni caso la donna dovrebbe chiedere consiglio al proprio ginecologo a cui raccontare loro la propria storia clinica ed eventuali malattie in famiglia, per decidere a che età sia meglio iniziare lo screening.
La mammografia è utile per la prevenzione del tumore della mammella e studia la forma e la struttura del seno per rilevare eventuali lesioni mammarie in fase iniziale che si possono vedere come noduli opachi anche di dimensioni molto piccole. In caso dubbio gli esami di approfondimento sono l’ecografia e la risonanza magnetica nucleare.
La mammografia è gratuita per le donne di età tra i 50 e i 69 anni.

About - 31 anni, nata a Gorizia mi occupo di comunicazione web, come blogger, oltre che di educazione per l’infanzia e di Archeologia. Collaboro con diversi portali web e curo progetti off-line per la divulgazione e l'educazione nell'infanzia. Seguitemi su e Twitter.

Tag:,
Pubblicato in Benessere, Salute
Displaying No Comments
Have Your Say

Lascia un commento